THE OPPOSITE OF ORANGE

Oscuro, “geroglifico” nella sua struttura jazz, magico nella composizione e nel feeling. I ruoli si mischiano, i samples elettronici suonano free jazz e i saxofoni ripetono loops nei campionatori.